AI CONFINI DI REINKAR di ALESSIA FRANCONE: RECENSIONE

ai confini di reinkar

Trama del libro

Tre avventure oltre i confini del regno di Reinkar, tra boschi infestati dagli spettri, regioni minerarie oppresse da trafficanti senza scrupoli, mari insidiati dai pirati e isole remote. Che si tratti di superare le mille trappole di un lugubre maniero per infrangere un’antica maledizione, di svelare gli intrighi che si tessono fra le viuzze assolate del villaggio di Aurel o di sfidare una sorte infausta nelle acque sconfinate del lontano nord, i protagonisti andranno incontro a viaggi pericolosi e prove durissime, nella speranza di sfuggire alla gelida falce di una morte mai così vicina…

 

RECENSIONE a cura di Iana Pannizzo

Chi già ben conosce la saga di Reinkar, le sue storie, i cavalieri erranti, le sofferenze e le ingiustizie, sa bene quanto sia abile la sua autrice Alessia Francone, a regalare emozioni, suspense e azione. L’ultimo libro, che porta come titolo “Ai confini di Reinkar, ci fa percorrere le sue terre di confine quasi toccandole in punta di piedi, per scoprire ben presto, tra l’adombrarsi e lo gioire, terre maledette dai sapori amari in cui risuonano gli echi della coscienza e dei desideri, delle paure e delle colpe. Eroi indiscussi trovano se stessi grazie al coraggio.

 Il libro, segue lo stile dei tre precedenti, suddiviso in tre lunghi capitoli che, pur seguendo un filo conduttore, rimangono indipendenti l’uno dall’altro, facilitando così lettura e comprensione.

 In questo quarto romanzo i nostri protagonisti sono cresciuti e non solo d’età. Essi hanno maggiore consapevolezza di tutto ciò che circonda la loro vita, come sovrani, soldati ed esseri umani. 

Come una caccia al tesoro, in cui si è in ballo con il tesoro stesso, la realtà si distorce nelle emozioni plasmabili ai ricordi e al tempo. Ritornano vecchie conoscenze che solo chi ha letto l’intera saga può ricordare e riconoscere ed è qui che l’autrice si distingue.

 Ci apre la porta a un mondo totalmente sconosciuto, con un personaggio d’eccezione che nel secondo libro (I nemici di Reinkar) aveva avuto un ruolo marginale, congedandolo come un bozzolo in attesa del suo tempo.  Questo ci rivela che la Francone non lascia mai niente al caso nelle scelte e nelle azioni e soprattutto che ogni personaggio secondario può diventare protagonista perché a suo modo importante.

L’autrice oltre a regalare ai suoi lettori una storia che toglie il fiato dalla prima all’ultima pagina, gioca con la cultura e la mitologia soprattutto greca, della quale si riflette una profonda impronta nel secondo racconto.

 In questo modo, per i curiosi e gli appassionati, si ha modo di assaggiare una parte di mondo a noi lontano e quasi astratto e così partendo da un punto d’inizio quale le avventure dei nostri protagonisti, per finire a una ricerca più approfondita. Non solo per interesse personale, ma per conoscere e vivere in modo totale i personaggi che caratterizzano la storia.

La mitologia spazia da quella greca a quella irlandese per finire in quella etrusca. Un bel leggere per davvero e una sfida a riconoscere miti e leggende che da sempre affascinano e alimentano la nostra immaginazione, motivo in più per avventurarsi fino ai confini del regno di Reinkar.

Arne e Selene, dovranno superare prove che faranno “ soffrire” il lettore, lo scenario varia e ammalia, ma come una sirena che inganna col suo canto, circuisce con le sue insidie in una trama da leggere e da vivere.

Personalmente ho amato davvero tanto la saga della maga di Reinkar e vorrei che questo non fosse l’ultimo libro. Ti fa innamorare Arne, con il suo carattere forte e dolce, visione dell’uomo valoroso, probo, d’altri tempi e ti fa innamorare Selene, regina del regno, volitiva, fiera, bella e coraggiosa. Fanno innamorare tutti i personaggi che incontri, anche “ i cattivi “, per la loro unicità, storia, sentimenti e ragioni d’amore. Ti fa semplicemente innamorare e lasciare il cuore a tutto quello che ruota in queste storie che dicono molto fra le righe, spesso come un sussurro, altre volte come urlate a gran voce. 

Alessia Francone chiude egregiamente questa saga e ci conduce per mano nei viaggi di confini e leggende.

Per Recensioni dei libri precedenti  e intervista all’autrice:

 Autrice: Intervista ad Alessia Francone

Autori CSU: Alessia Francone

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...